Diventare efficaci in 7 mosse

Vi ho già parlato della differenza tra efficienza ed efficacia e di come sia quest’ultima una caratteristica discriminante per arrivare ad avere successo. Ma come si diventa efficaci? Proverò a rispondere a questa domanda indicandovi sette mosse per raggiungere questo obiettivo.

EFFICIENZA ED EFFICACIA

Prima facciamo un breve ripasso (nel precendete articolo sulla gestione del tempo trovate informazioni più dettaglaite) e rivediamo la definizione di efficienza ed efficacia:

  • EFFICACIA: abilità che ci consente di fare le cose giuste per il raggiungimento del nostro obiettivo
  • EFFICIENZA: abilità che ci consente di fare molte attività e, nel migliore dei casi, di farle tutte bene
LE ABITUDINI

Vi ho parlato fino a qui di mosse per diventare efficaci. Vorrei ora cambiare questa parola sostituendola con abitudini. Il motivo è dato dal fatto che un’abitudine è un’azione che decidiamo di compiere ripetutamente ed in autonomia. In altre parole le abitudini sono quelle azioni che, unite, vanno a definire la nostra comfort zone.

Queste abitudini, messe in pratica tutti i giorni – a livello professionale e personale – possono dare una svolta significativa verso un livello di efficacia rilevante. Proprio per questo motivo oggi vengono spiegate, insegnate e soprattutto applicate dalle aziende con un importante riscontro in termini di risultati.

Andiamo ora a vedere queste abitudini una ad una.

 1. ESSERE PROATTIVI

Proattivo è una parola molto (abu)sata oggi. Ma cosa vuol dire? Se le frasi “non è mio compito”, “mi occupo di altro”, “non è mia responsabilità” fanno parte del vostro lessico quotidiano, haimè, siete lontani dal possedere questa abilità. Essere proattivi significa non evitare il problema ma agite cercando una soluzione ad esso (problem solving).

2. INIZIARE DALLA FINE

Sapere in anticipo cosa vogliamo (obiettivo), quello che vogliamo essere oltre che gli effetti che il raggiungimento di un obiettivo prefissato può portare è determinante proprio per pianificare il nostro piano d’azione. Partire dalla fine aiuta ad aumentare la percezione che crediamo di trasmettere agli altri e migliora il modo in cui vorremmo che gli altri ci percepissero. Così è più facile individuare quali aree dobbiamo migliorare.

3. LE COSE IMPORTANTI AL PRIMO POSTO

Identificare le priorità è l’elemento fondamentale per una corretta organizzazione del tempo che, a sua volta, è il processo base per diventare efficaci. Sai distingure tra cosa è importante, urgente, urgente e importante e tutto il resto? Da questa distinzione parte il processo dell’efficacia.

4. MODALITÀ “NESSUN VINCITORE”

Detta anche modalità “win-win“. In una discussione o in un confronto le persone coinvolte riescono a esporre il proprio punto di vista senza sentirsi in una posizione di sottomissione. La comunicazione in queso modo diventa efficace e le relazioni si rafforzano.

5. ASCOLTARE PRIMA DI PARLARE

Spesso non ascoltiamo quello che ci viene detto perché siamo troppo concentrati a pensare a cosa ribattere a quello che ci  stanno dicendo. Imparando ad ascoltare scopriremo che, spesso, le persone quando parlano cominicano sia il problema che la sua soluzione. L’ascolto attivo diventa un processo fondalentale per rendere efficace la comunicazione, per aumentare l’empatia e, di consegnuenza, la qualità delle relazioni.

6. CREARE SINERGIE (NETWORKING)

Crearsi una rete di conoscenze qualificate permette, oltre al fatto di incrementare il business, di condividere competenze, circostanza che da la possibilitò di imparare e quindi ampliare le proprie competenze.

Se tu hai una mela e io ho una mela e ce la scambiamo, andremo a casa ancora con una mela ciascuno.

Ma se tu hai un’idea e io ho un’idea e ce la scambiamo, andremo a casa ognuno con due idee.

7. ORGANIZZARE AL MEGLIO IL TEMPO

Ho già ampiamente parlato di come una corretta organizzazione del tempo possa offire molti vantaggi. In questa “lista” di buone abitudini per diventare efficaci, l’organizzazione del tempo è quella che sostiene tutte le altre. Senza una buona organizzazione del tempo sarà impossibile far diventare abitudini le azioni sopra descritte. Vivendo costantemente in situazioni di urgenza o emergenza difficilmente avremo a disposizione il tempo necessario per mettere in pratica gli strumenti precedenti.

Applicando questi concetti quotidianamente, partendo proprio dall’organizzazione efficace del tempo, avremo la possibilità di trarre il massimo successo da ogni situazione, diventando persone più efficaci.

 

Scrivi qui il tuo commento.