Problem solving, team working, flessibilità. Sono solo alcune delle competenze che vengono richieste a chi si trova a lavorare in azienda. L’impressione è che siano sempre più etichette senza contenuto, eppure essere in possesso di queste soft skills può veramente fare la differenza!

CHE COSA SONO LE COMPETENZE TRASVERSALI?

Le soft skills sono l’insieme di conoscenze e abilità che portiamo con noi e che mano mano andiamo ad arricchire grazie alle nuove esperienze professionali. Queste competenze comprendono la capacità di comunicare in maniera efficace, di relazionarsi con gli altri, di organizzare un gruppo di lavoro, di risolvere i problemi etc etc. Si tratta di risorse molto importanti che hanno un elevato impatto sulla prestazione e sui risultati che si ottengono.

Possiamo differenziare ulteriormente le competenze trasversali in:

Competenze Personali. La consapevolezza è l’ingrediente principe! Conoscere sé stessi vuol dire conoscere i propri punti di forza e e le proprie debolezze, sapere cosa ci motiva e avere chiari in mente i nostri obiettivi e la strada che vogliamo percorrere per raggiungerli.

Competenze Relazionali. Speculari a quelle personali, indicano la capacità di gestire i rapporti con gli altri. Elementi fondamentali sono la comunicazione, l’ascolto, l’empatia e il lavoro di squadra.

Competenze Cognitive. Analisi e sintesi sono abilità sempre più richieste in un contesto che tende a sommergerci di informazioni. Ma anche il problem solving (la capacità di trovare soluzioni a problemi più o meno complessi) e la creatività sono ingredienti importanti di questa categoria.

Competenze OrganizzativeSono le competenze più concrete, che vengono messe in campo quando si passa al “fare”. Pianificazione, gestione del tempo, impostazione di priorità e definizione delle urgenze sono le abilità che caratterizzano questo tipo di competenze.

L’IMPORTANZA DELLA FLESSIBILITÀ

La flessibilità è una qualità sempre molto apprezzata. Le persone competenti sono intrinsecamente flessibili perchè riescono ad adattarsi alla situazione in cui si trovano e alle persone con cui di volta in volta si relazionano a differenza delle persone “rigide”, che spesso conoscono una sola via per affrontare le situazioni o una sola modalità relazionale.

Tutte (e altre) queste soft skills possono far parte o meno del background personale di ognuno. È possibile sapere quali sono le competenze che abbiamo e in che modo andare a migliorarle! Come? Seguendo un percorso preciso:

  1. Audit: a che punto siamo!
  2. Learning: si impara (e si migliora)!
  3. Training: mettiamoci alla prova!

Contattami per avere maggiori informazioni sul percorso di crescita personale!

 

Scrivi qui il tuo commento.